FRIDAYS FOR FUTURE

March 1st, 2019
Our first Climate strike has brought new wind, energy, and thoughts into the streets of Bra.
Supported by Slow Food, the Comune di Bra and a spontaneous visit by Carlo Petrini,
Braidesi (including some young students!) and Students of Pollenzo have shown that they care.
Within only a week of organization, speeches were written, professional documentation was organized, and more than 100 people gathered!

Did we manage to show that Gastronomy is reactive,
progressive and in tune with what is happening in the world?

Let this be just the opening to more climate awareness, discussion and action to come!

_MG_8289.jpg

Fridays For Future?

by Pelle Bengtsberg

1663d71c-d871-4c34-af50-e948976ee8ae.jpg

Venerdì per il futuro?

by Carlotta Pischedda

IMG_0420.jpg

I believe in creativity

by Elisabeth Berlinghof

IMG_0406.jpg

A collective manifestation

By Diana Pizano Gomez

_MG_8319.jpg

Be like the flowers

By Yain Ale Sciola

Photo credits: Elisabeth Fagerland, Adil Latef & Joella


Comment 1 - 05/03 

È bellissimo che la comunità di Pollenzo partecipi così calorosamente a iniziative come queste, che, sicuramente, caratterizzano e distinguono il nostro percorso. Belli, appassionati e concreti i discorsi di tutti i ragazzi. Tranne quello di Yain Ale Sciola, orientato più a sottolineare questioni come patriarcato, colonialismo e neoliberalismo, cercando di dare un taglio politico alla questione, sminuendo il valore sia del problema riscaldamento globale, che degli altri punti già citati. Il problema è globale, è di tutti, non ha colori, né bandiere di partiti o slogan ideologici. Ci siamo solo noi. E i nostri figli, che pagheranno le conseguenze delle nostre azioni. A meno che non saremo in grado di restituirgli il futuro che stiamo minacciando.

 

 
Comment 2 - 11/04 

Ho parlato come latinoamericana, per noi questo problema è político, è il patriarcato, il neoliberalismo e il colonialismo sono le cause del riscaldamento globale. È facile parlare da Europa quando non siete voi chi state soffrendo le conseguenze. La prima cosa per risolvere questa crisi è incominciare a chiedersi I suoi privilegi e togliere la visione ingenua. Da noi da 20 anni che si parla di questo e abbiamo già cominciato con resistenze tanti anni fa. Mi dispiace per voi.
E il problema non è di tutti, si ha colori, si ha partiti, ideologia, e bandiere, non l'ho abbiamo creato tutti ma siamo quelli che lo stiamo pagando prima.. Voi ancora parlate dal futuro. Per noi è un problema del presente. Se non avete capito questo..